Expertease (Ready Set Go)


Da un po' di tempo non riesco a scrivere che di te, almeno qui sul mio blog. Ogni parola deve essere dedicata a te, a quanto sei speciale, a quanto tu sia cambiato con me e per me, è come se oggi tutto sia solo nostro, tutto ci appartiene, e siamo solo io e te, uniti in tutto, nella tempesta che a volte ci ha travolto, e nel sole che spesso ci riscalda.
Non c'è più bisogno di parlare, perchè uno sguardo dice tutto, come se fossero di nuovo i primi giorni, quei giorni meravigliosi in cui riuscivamo solo a ridere, senza riuscire a toglierci gli occhi di dosso.
E poi siamo noi, quelli di oggi, quelli che ormai sanno tutto dell'altro, e che riescono a toccarsi sempre come se fosse una cosa nuova, perchè conoscersi davvero significa anche questo, saper trovare qualcosa di nuovo nell'altro anche quando si pensa di aver già visto tutto. 
Vi sembrerà un controsenso, ma solo se conosciamo tutto riusciamo a provare altro, perchè l'amore è rinnovamento, è unione, è sorrisi e deliziosi sguardi da scemi.
Eppure conosco te come nessun altro al mondo, come neanche quelli che dicono di conoscerti da sempre ti conoscono, perchè so già quello che dirai e che farai, e anche se spesso non capisci che io so già cosa accadrà, cosa ti diranno gli altri, cosa faranno gli altri, cosa sbaglierai, io lo so già, e non importa quanto rompipalle io sembrerò, e quanto mi potresti odiare per questo, io saprò sempre cosa è giusto per te meglio degli altri, meglio degli amici, meglio di te stesso.
E quindi ripenso a quando mi sorridi, a quando la quiete dopo la tempesta ti renda pienamente te stesso, quel te stesso che non conosci ma che io ho sempre saputo chi fosse.
E mi lascio andare, perchè quando dici "ti fidi di me?" non posso che chiudere gli occhi e lasciarmi andare, tra le tue braccia che sanno di uomo e quegli occhi che brillano di bimbo, su quel corpo d'adulto, che a sua volta si fida di me, che potrò anche sembrare piccolo ed innocente, ma non lo sono.
E poi ti rigiri sul fianco per dormire, e ripenso a quella prima volta, a quel lungo abbraccio, a quelle coperte che ti avvolgevano in un mattino lontano da scuola, al riparo tra le mie braccia.
E quando inizio a scrivere riesco a parlare solo di te, di nuovo, come i primi giorni, i più speciali, perchè nonostante sembriamo diversi, noi oggi siamo noi stessi, come lo eravamo allora, ed è dolce cullarsi nella certezza che siamo ancora quelli, diversi ma uguali.
Ed è dolce il pensiero che nonostante il sole e la tempesta, ti sei fidato di me, nonostante i tuoi no e i miei ti prego, siamo ancora qua, nonostante non mi credessi io avessi ragione, anche quando non avrei voluto, e mi consola il pensiero di averti salvato da chi non ti avrebbe mai reso felice, e di averti spinto a tornare da chi non pesa la parola "amico", ma sa attuare il suo significato nella vita di tutti giorni.
E mi sento un po' superbo, perchè nonostante sembrassi piccolo e insicuro ti ho mostrato che la mia esperienza avesse un valore, e nonostante il guscio potessi aiutarti e proteggerti.
E mi sento innamorato, perchè con la dolcezza, la decisione, e una divertente dose di goffaggine mi hai difeso anche tu, ogni singolo giorno rendendomi oggi felice ed innamorato come quel giorno in cui sospirasti perchè non ero mai salito su una motocicletta.
E mi ritrovo sempre a scrivere di te, perchè più bella cosa davvero non c'è, e mi sento finalmente un principe azzurro valoroso che ha trovato il suo altrettanto valoroso principe azzurro.
Perchè il principe azzurro esiste, e noi ne siamo la dimostrazione.

Come on baby ready set go
Let my body be your world
Come on baby ready set go
Let me your expert
Come on baby ready set go
Ready set go
Let me show my expertease
I'm an expertease
And you know it
Let me show my expertease
I'm an expertease 


illustrazione di Jeffrey Aviles
Expertease (Ready Set Go) Expertease (Ready Set Go) Reviewed by Gabriele Del Buono on 9/14/2014 Rating: 5

No comments:

Powered by Blogger.